TERREMOTO MAROCCO

Si aggrava di ora in ora il bilancio delle vittime in Marocco a causa del devastante terremoto di magnitudo 6.8 che ha colpito il Paese.
I volontari della Mezzaluna Rossa marocchina sono al lavoro per soccorrere la popolazione.
Le zone più colpite si trovano nella parte più remota del Paese. La Croce Rossa Italiana è pronta a portare aiuto e soccorsi.
C’è bisogno dell’aiuto di tutti.

DONA ORA

Ripartono i corsi di Rianimazione Cardiopolmonare e sulle Manovre di Disostruzione sul lattante e sul bambino
 
Alla fine del corso verrà rilasciato attestato di operatore Manovre Salvavita Pediatriche.
 
La parte pratica sarà organizzata a piccoli gruppi.
 
Scegli una sola tra le date indicate nella locandina e clicca sui pulsanti qui sotto per iscriverti.
 
Tutti i corsi si svolgeranno presso la nostra sede in Via Molina, 25 a San Dona’ di Piave (VE).
 
 
 
Buon fine anno a tutti voi che ci avete supportato in questo 2023!!!
 
Grazie al vostro supporto, sia materiale che spirituale, siamo riusciti a garantirvi, in questi 365 giorni, ben 34761 ore di volontariato attivo!!!! 💪
 
Un anno impegnativo su molti fronti, che ha richiesto tante energia ma ci ha regalato anche tante emozioni e tante soddisfazioni.
 
Un anno che ha visto consolidarsi i rapporti con molte associazioni e club del territorio che hanno come noi a cuore il benessere delle persone e l’aiuto ai più vulnerabili.
 
Un anno che si è concluso con l’iscrizione del Comitato al Registro Regionale della Protezione Civile 🚒 ad ulteriore riscontro della credibilità e della solidità del nostro Comitato verso le istituzioni e con l’ingresso di 48 nuovi volontari sfondando il muro dei 300 volontari iscritti.
 
Ci aspetta un nuovo anno carico già di importanti impegni, tra i quali la procedura di accreditamento al Suem 118, che ci permetterà i futuro di essere partecipi anche di questo servizio. 🚑
 
Ringraziamo tutti coloro che ci hanno incontrato nelle nostre uscite pubbliche, ci avete trasmesso tanto calore, amicizia e riconoscenza, e anche coloro che ci hanno aiutato nel silenzio e senza voler essere menzionati.
Grazie di cuore!!!
 
Confidiamo di avervi ancora tutti al nostro fianco: cittadini, associazioni, istituzioni ed aziende nel prossimo 2024. 🥰
 
Buon anno nuovo a tutti!!!

SPORTELLO SOCIALE PER L’ASCOLTO DEI CITTADINI

 

Dopo gli anni difficili del Covid, è ripartito anche il servizio di “SPORTELLO SOCIALE” per l’ascolto dei cittadini.
 
In momento di:
  • Incontro
  • Accoglienza
  • Ascolto delle esigenze
  • Orientamento ai servizi territoriali

dove potrete incontrare due nostri Operatori Sociali che vi accompagneranno nella risoluzione delle vostre esigenze.

Potete venire direttamente in Sede il:
  • Lunedì dalle 17.00 alle 19.00
  • Giovedì dalle 10.00 alle 12.00
 
Rimane comunque attivo il servizio di contatto telefonico chiamando il
335 139 3798 numero unico del Servizio Sociale del Comitato di San Dona’ di Piave
della Croce Rossa Italiana.

BUONI PROPOSITI

8 maggio

❤️ POI CI SIAMO INCONTRATI ❤️

Una delegazione di Volontari del nostro Comitato, oggi in occasione della Giornata Mondiale di Croce Rossa e Mezza Luna Rossa, ha consegnato la bandiera di Croce Rossa al Sindico di San Donà di Piave Andrea Cereser e al Vice Sindaco Silvia Lasfanti, per poi assistere tutti assieme all’alzabandiera davanti al Palazzo Comunale.

La nostra bandiera sventolerà anche sui pennoni di Musile di Piave, Torre di Mosto, Fossalta di Piave e Noventa di Piave. Grazie ai sindaci Susanna Silvia, Maurizio Mazzarotto, Manrico Finotto e Claudio Marian che hanno appoggiato la nostra iniziativa in occasione della Giornata Mondiale di Croce Rossa e Mezza Luna rossa ❤️

Gli ultimi tre anni sono stati anni difficili, caratterizzati da eventi improvvisi che hanno stravolto le vite di milioni di persone. È cresciuta la consapevolezza che tutto può cambiare improvvisamente. La pandemia e le sue conseguenze socio-economiche, il conflitto in Ucraina, le alluvioni e l’emergenza climatica hanno reso evidente la precarietà dell’esistenza.

La precedente campagna si basava sulla semplicità di un gesto, di una domanda (Come stai? Come ti chiami? Dove ti trovi?) sottovalutata in così tanti contesti ma capace di creare un contatto diretto e vero con le persone. L’inizio di una storia, di tante storie o di storie come tante.

Ma c’è un prima e un dopo in ogni storia.

Vogliamo raccontare, quest’anno, l’importanza di ciò che accade dopo l’arrivo della CRI nella vita delle persone e nei luoghi colpiti dalle emergenze. Croce Rossa ascolta le storie di tutti ma Croce Rossa accompagna soprattutto chi ne ha bisogno verso la ricostruzione di ciò che è stato distrutto, il benessere psicofisico, una casa.

Con la campagna 2023 dedicata alla Giornata Mondiale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa intendiamo celebrare proprio quella scintilla che riaccende la speranza, intendiamo raccontare chi ha avuto la forza di credere di nuovo di poter ricostruire la sua vita, anche da zero, lasciandosi accompagnare dall’operato e dalle parole dei Volontari CRI.

“Poi ci siamo incontrati” nasce da quel sentimento di profondo smarrimento che viene spazzato via quando, all’improvviso, arriva qualcuno che con un abbraccio ci guarda negli occhi e ci dice “vedrai che tutto passa”.

Puoi fare la tua parte. Sostenere la Croce Rossa vuol dire contribuire all’impegno quotidiano della più grande Organizzazione Umanitaria del Mondo.
Grazie al tuo contributo tuteliamo e proteggiamo la salute e la vita, favoriamo il supporto e l’inclusione sociale, prepariamo le comunità, interveniamo in caso di emergenze e disastri, promuoviamo attivamente lo sviluppo dei giovani e una cultura della cittadinanza attiva.

Sostenere Croce Rossa Italiana Comitato di San Donà di Piave, vuol dire contribuire assieme a tutti i volontari che quotidianamente, nei vari modi, operano nel nostro territorio! 

#crocerossaitaliana #redcross #italianredcross #crocerossasandonádipiaveetorredimosto #solidarietá #condivisione #unione #insieme #famiglia #volontari #cooperare #territorio

Obiettivi Strategici

Identificano le priorità umanitarie dell’Associazione, a tutti i livelli, e riflettono l’impegno di socivolontari ed operatori CRI a prevenire e alleviare la sofferenza umana, contribuire al mantenimento e alla promozione della dignità umana e di una cultura della non violenza e della pace. Forniscono quindi il quadro strategico di riferimento che guiderà l’azione della CRI verso il 2030.

SALUTE

SOCIALE

EMERGENZA

PRINCIPI

GIOVANI

SVILUPPO

Social and Media

#Musile – Corsi di primo soccorso alla Toti grazie agli imprenditori e alla Croce RossaSono stati 97 gli studenti di seconda media dell’istituto Toti di Musile, che hanno partecipato al corso di primo soccorso e gestione dell’emergenza. L’iniziativa, promossa e fortemente voluta dall’Associazione Imprenditori per Musile, è stata possibile grazie alla collaborazione della Croce Rossa sezione di San Donà e delle insegnanti dell’istituto comprensivo. Il corso si è concluso con la cerimonia di consegna degli attestati, a cui hanno partecipato Carla Pilla per gli Imprenditori per Musile, Graziano Bardellotto per la Croce Rossa di San Donà, nonché il dirigente scolastico Alessandro Culatti Zilli, la sindaca Silvia Susanna e gli assessori Luciano Carpenedo e Vittorino Maschietto.«L’associazione imprenditori per Musile nasce circa 25 anni fa per “mettere insieme” conoscenze e competenze di aziende che operano nel territorio», ha spiegato Carla Pilla, «Non è un’organizzazione di categoria, ma un’associazione culturale che favorisce lo sviluppo e la crescita del territorio anche dal punto di vista sociale, in collaborazione con il Comune».Finalità in cui si inserisce appieno l’iniziativa sviluppata alla Toti. «Nell’ottica del benessere delle persone che vivono sul territorio, un corso di primo soccorso e gestione dell’emergenza rende tutti più consapevoli e permette di sapere cosa fare in situazioni estreme, come attivare i soccorsi necessari e mettere in sicurezza anche se stessi», ha proseguito Pilla, «Non è mai troppo presto per imparare. Grazie alla collaborazione di Croce Rossa, del dirigente e degli insegnanti dell’istituto comprensivo Toti è stato attivato, in orario scolastico, un corso rivolto ai ragazzi della seconda media». L’obiettivo degli Imprenditori per Musile è dare seguito al corso anche nei prossimi anni. «Siamo certi che diffondere la cultura del soccorso migliori la salute della comunità, e che, formando ogni anno, speriamo, circa 100 persone, nel tempo avremo grande diffusione di cittadini preparati e attenti. Anche questo è un modo per sviluppare la coscienza civica».(di Giovanni Monforte)(Nella foto: una delle esercitazioni) ... Guarda di piùGuarda neo
Vedi su Facebook
La Festa del Bocolo di San Marco con la Croce Rossa Italiana – Comitato di San Dona' di Piave organizza la Festa del Bocolo di San Marco.Giovedì 25 aprile i saremo presenti in Corso Silvio Trentin (zona pedonale nuova) a San Dona' di Piave per offrire alla comunità il “bocolo di San Marco”: la rosa rossa che la tradizione veneziana vuole venga regalata il giorno del Santo Patrono di Venezia alla propria amata.Il delicato fiore potrà essere donato ai propri cari sostenendo, nel contempo, le attività dell’Associazione verso le famiglie in difficoltà assistite dal Comitato e i servizi socio-assistenziali svolti sul territorio.La leggenda del Bocolo narra di una splendida fanciulla Maria che era profondamente innamorata di un uomo di umili origini, Tancredi. Il padre della fanciulla era contrario alla relazione tra i due giovani, poiché, come si usava a quei tempi, la figlia del Doge doveva sposare un uomo che fosse del suo stesso lignaggio.Maria non si rassegnò mai al volere del padre e consigliò al suo amato di andare in battaglia per far sì che le sue gesta eroiche prendessero il sopravvento sulle sue umili origini e lo rendessero degno di sposarla anche agli occhi del Doge. In poco tempo divenne famoso per le sue valorose gesta, finché un giorno, in battaglia, cadde mortalmente ferito su un roseto, tingendo del rosso del suo sangue un bocciolo di rosa.Con le ultime forze rimaste scelse il bocciolo intriso del rosso del suo sangue e lo affidò all’ amico Orlando affinché lo consegnasse alla sua amata come ultimo pegno d’amore.Orlando consegnò il bocciolo alla nobildonna. Il giorno successivo, il 25 aprile, Maria fu trovata priva di vita nel suo letto con il bocciolo di rosa fattole recapitare dal suo spasimante sul petto.Da allora ogni anno il 25 aprile, festa di S. Marco, a Venezia gli uomini (grandi e piccoli) regalano un bocolo (bocciolo) alle proprie amate. Non importa se siano esse mogli, mamme, figlie o fidanzate!Vi aspettiamo GIOVEDI' 25 APRILE in Corso Silvio Trentin (zona pedonale nuova) a San Dona' di Piave dalle 08.30 alle 18.30!!!!#crisandona #critorredimosto #bocolo #dono #fiore #amata #sanmarco #crocerossa #amicizia #regalo #rosa ... Guarda di piùGuarda neo
Vedi su Facebook

Volontari News